Esplora

    Il Monte Tuttavista

  • Il Monte Tuttavista, "...cono verde e bianco...", protegge dall'alto il paese raccogliendolo ai suoi piedi.

    806 metri di bianca roccia calcarea intervallata e dominata dalla macchia mediterranea. Boschi di leccio, piante di ginepro, lentischio e euforbia e diverse specie di orchidea selvatica colorano la montagna. Ben trentadue le entità di orchidee spontanee presenti; rari endemismi da ammirare e fotografare lungo i suoi sentieri. 

    Percorrendo la strada turistica, che lascia alle spalle il paese, si raggiunge la cima dalla quale si osserva il Golfo di Orosei, la vallata del Cedrino, la lunga catena del Montalbo; un panorama mozzafiato su tutta la zona come ricorda il nome stesso della montagna.

    Ma per scoprire appieno le bellezze ospitate dal massiccio calcareo è necessario effettuare qualche sosta lungo i tornanti.
    A quota 635 s.l.m si trova il monumento naturale di sa preta istampata, parete rocciosa con un foro di circa 40 metri di diametro creato dal vento e dalle piogge; una finestra che guarda alla vallata sottostante e al Supramonte.

    Sulla sommità del monte svetta, dal 2001, la statua bronzea del Cristo realizzata dall’artista madrileno Pedro Angel Terron Manrique. La scultura, riproduzione della statua lignea del Santissimo Crocifisso ospitata nell'omonima chiesa, raggiunge insieme alla croce i 12 metri di altezza ed è oggi meta di pellegranaggi per i fedeli che vogliono pregare e meditare in un luogo isolato a contatto con la natura.

    L'oasi avifaunistica del Monte Tuttavista ben si presta anche agli amanti del trekking e del free climbing. Diverse sono le pareti attrezzate per l'arrampicata in cui i climber possono cimentarsi in percorsi di media e alta difficoltà.