Esplora

    Antico Convento - Casa Asara

  • Lungo la via Giovanni XXIII, che dalla via principale conduce sino alla piazza dedicata al Santissimo Crocifisso, si trova l’antico convento dei Frati della Mercede.

    Lasciandosi alle spalle il tipico portone in legno del’ingresso ci si ritrova nell’ampio cortile; fiori e piante incorniciano la struttura in cui vissero i frati mercedari prima e la famiglia Asara poi. Una prima comunità di Frati della Mercede si sarebbe stabilita a Galtellì già intorno al 1414, notizia però non documentata, da ritenersi tuttavia attendibile perché proprio allora un mercenario, Francesco Dessì, venne eletto alla sede vescovile di Galtellì. Probabilmente i frati lasciarono il centro baroniese quando nel 1495 la Diocesi di Galtellì fu soppressa e accorpata all’arcidiocesi di Cagliari.
    Una seconda fondazione è documentata per il 1611 periodo in cui si ha testimonianza di un Convento dei Frati della Mercede a Galtellì. Due dei frati presenti a Galtellì, Fra Giovanni Maxia e Fra Giovanni Maria Serra, furono alcuni dei testimoni oculari dei miracoli del Cristo nel 1612 per i quali deposero nel processo informativo innanzi ai notai.
    Dell’Antico Convento dei Frati della Mercede di Galtellì non si conoscono altri fatti certi fino ai primi anni del 1900 quando Paolino Asara e Raimonda Cosseddu acquistarono l’immobile, ormai fatiscente, e lo ristrutturarono per farlo diventare la propria dimora.

    Il Sig. Paolino Asara all’ inizio del secolo scorso costruisce in un lato del cortile una cantina realizzata, come gran parte degli edifici del paese, in pietrame e malta di calce e con la tipica copertura in legno ed incannicciato a due falde. La pavimentazione è assente, la struttura internamente è in terra battuta e accoglie ancora le radici di un antico mandorlo, utilizzate come basamento di un tavolo da degustazione.

    Oggi nella cantina dell’Antico Convento – Casa Asara è possibile effettuare, su prenotazione, degustazioni a base di prodotti tipici locali.